CARRELLO
immagine carrello

BENVENUTO!
immagine carrello

Come scegliere il telescopio

Nello scegliere il telescopio è importante avere ben presente l’uso che se ne farà, tenendo anche conto delle dimensioni e della maneggevolezza dello strumento.

  • Per osservazioni terrestri del cielo notturno (in particolare pianeti e stelle) 
  • Rifrattori - Maksutov-Cassegrain

  • Per osservazioni di Galassie nebulose, oggetti di Deep Sky      
  • Newtoniani - Maksutov-Cassegrain

  • Per osservazioni fotografiche  
  • Newtoniani con motore

  • Per ragazzi che si avvicinano all’astronomia per la prima volta  
  • Telescopi junior

Telescopio Rifrattore

Si tratta di un telescopio con uno schema costruttivo che prevede un sistema di lenti. Questi telescopi danno migliori risultati nell’osservazione di oggetti astronomici ad alta emissione di luminosità (come pianeti o stelle), in quanto sono meno soggetti alle instabilità dell’atmosfera e forniscono immagini con miglior contrasto e dettaglio rispetto ai riflettori. Per questo motivo sono anche maggiormente adatti per l’osservazione terrestre.

Telescopio Riflettore o Newtoniano

Si tratta di un telescopio con uno schema costruttivo che prevede un sistema di specchi ed un’apertura generalmente maggiore dei Rifrattori. La capacità di raccogliere molta luce rende il riflettore più adatto all’osservazione di oggetti astronomici a bassa emissione di luminosità quali nebulose, galassie e tutti gli oggetti denominati “deep sky” (cielo profondo). La maggior luminosità delle immagini, inoltre è un considerevole vantaggio anche nel caso si desideri effettuare fotografia astronomica.

Telescopio Cassegrain

Questi telescopi a parità di apertura presentano dimensioni minori di quelli dei Riflettori o Newtoniani. Il sistema Cassegrain consiste in uno specchio primario parabolico con un foro al centro e uno specchietto secondario convesso di forma iperbolica allineato al primario. I raggi luminosi riflessi dal primario convergono verso il secondario e si riflettono nuovamente verso il primario passando attraverso il foro centrale e focalizzandosi infine nel piano focale posto al di là del foro. Due versioni differenti del sistema Cassegrain sono quelle denominate MAKSUTOVCASSEGRAIN e Schmidt Cassegrain. Lo schema ottico di questi telescopi è simile a quello Cassegrain classico dal quale differiscono soprattutto per la presenza di una lente che chiude l’imboccatura del telescopio sorreggendo lo specchio secondario.

Tutta la gamma di telescopi Konus

Pagine correlate